Articoli per data: Giovedì, 01 Aprile 2021

Carlo Calenda a Piazzapulita conferma: "Io sarò candidato sindaco di Roma". Durante la puntata di giovedì primo aprile, il leader di Azione risponde in maniera decisa al conduttore, Corrado Formigli: "Sono candidato sindaco della capitale dal giorno di grazia 12 ottobre. Dopo aver parlato con l'allora segretario nazionale del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, in assenza di candidati del suo partito, gli ho comunicato che partivo. Gli ho chiesto di cercare di lavorare insieme. Ho aderito ad un tavolo di centrosinistra che non ha discusso nulla di concreto e si è fermato ogni volta che Virginia Raggi rischiava di essere condannata o doveva andare a fare il ministro del governo Conte terzo". Poi il giudizio sull'amministrazione Raggi: "Ha fatto un vero macello a Roma. Ma io gli ho dato tutta la mia solidarietà, perché l'idea che invece di affrontarla alle urne devi sperare che venga condannata oppure darle un posto altrove, non è accettabile. Meglio affrontarla alle urne". Poi una analisi politica: "Il Partito Democratico sostiene che a Roma con Virginia Raggi non ci vuole andare perché il governo 5 Stelle è stato disastroso".  

Leggi Tutto: Piazzapulita, Calenda: "Confermo candidatura a sindaco di Roma. Virginia Raggi ha fatto un macello"

Pubblicato in News

Il leader della Lega, Matteo Salvini, a 'Dritto e rovescio' su Rete4 giovedì 1 aprile ha affermato che c'è una "posizione ideologica che vede solo rosso, non si riapre per tutto aprile. E c'è la posizione della Lega che, laddove la situazione è sotto controllo, dopo Pasqua si può, anzi si deve riaprire. Mi domando perché milioni di italiani debbano essere tenuti sotto sequestro da Speranza e Orlando".

"Ci metteremo l'anima perché, laddove i contagi lo permettano, si possa riaprire. È chiaro che se c'è una zona con gli ospedali pieni ti devi dedicare alla cura, ci sono poi regioni come la Sardegna, la Sicilia e la Liguria in cui si deve tornare a vivere. C'è il ministro Speranza che per motivi suoi, sostenuto da una buona parte del Pd e del M5S, non ne vuole sentire. La Lega è nel governo per far sentire la voce di chi vuole tornare a lavorare". "Ci rivediamo la settimana dopo Pasqua. Io credo che il presidente di Draghi sia in linea con chi crede nella scienza. Se i dati dicono rosso è rosso. Se i dati dicono che è giallo e bianco, è giallo è bianco", ha sottolineato Salvini. 

 "Dopo Pasqua vedrò Draghi e sono certo che se dati scientifici dicono che si può aprire, si potrà aprire»", ha ancora detto Matteo Salvini nel corso del programma.

"Ad aprile ci sarà il decreto per il sostegno tutto l'anno. Noi lavoriamo su affitti, mutui, blocco delle licenze per tutelare il commercio", ha sottolineato Salvini.

"Un appello per chi avrà la possibilità di fare le vacanze in estate: stiamo in Italia. Dopo il Covid, quantomeno, riscopriamo l'orgoglio del nostro Paese. Ci sono tantissime bellezze nel nostro Paese, non c'è bisogno di andare a migliaia di chilometri di distanza, in Spagna o in Grecia", ha affermato Salvini.

Leggi Tutto: Matteo Salvini: "Speranza e Orlando non tengano gli italiani sotto sequestro"

Pubblicato in News

Poco dopo le 21.30 la riunione in streaming con i gruppi parlamentari, eurodeputati,

Pubblicato in News

La chef blogger Benedetta Rossi propone dai suoi profili social la pizza dolce di Pasqua delle Marche. Dopo aver spiegato che nella sua regione una portata del genere non può assolutamente

mancare durante la festa, si lancia nella ricetta, iniziando dagli ingredienti e spiegando che la collaborazione è con Paneangeli. Ingredienti: 500 grammi di farina (meglio metà 00 e metà manitoba); una busta di lievito di birra con pasta madre disidratati per dolci lievitati Paneangeli; due uova; un tuorlo; 125 grammi di zucchero; una bustina di vanillina Paneangeli; 40 grammi di semi di girasole; 200 ml di latte tiepido; due confezioni di macedonia candita Paneangeli 140 grammi. Per la glassatura un albume e 125 grammi di zucchero al velo e per decorare palline arcobaleno, a suo avviso sempre Paneangeli.

 

Poi come al solito la spiegazione nei dettagli. "In una ciotola mescoliamo la farina con il lievito di birra con pasta madre disidratati per dolci lievitati Paneangeli, usando le mani. In un'altra ciotola mettiamo due uova intere e un tuorlo (tenendo da parte l'albume per la glassa), aggiungiamo lo zucchero, l'olio e la vanillina Paneangeli e iniziamo a mescolare con una forchetta. Uniamo anche il latte tiepido mentre continuiamo a mescolare". Poi Benedetta spiega che va incorporata nella ciotola dei liquidi la farina, poco alla volta, e quando l'impasto acquista consistenza "spostiamolo su una spianatoia infarinata e continuiamo a lavorarlo, fino ad ottenere una consistenza omogenea ed elastica".

 

 

        Visualizza questo post su Instagram                      

Un post condiviso da Benedetta Rossi (@fattoincasadabenedetta)

 

Ancora: "Rimettiamo l'impasto nella ciotola, facciamo il classico taglio a croce e copriamo con pellicola trasparente per lasciarlo lievitare per circa 2 ore, fino al raddoppio del volume. Dopo la lievitazione, rimettiamo l'impasto sulla spianatoia, rilavoriamolo leggermente, allarghiamolo e aggiungiamo la macedonia candita Paneangeli, richiudendo poi l'impasto per incorporarla. Ungiamo e infariniamo uno stampo alto e stretto (largo 18-20 cm), versiamo dentro l'impasto e facciamolo lievitare ancora per circa 30 minuti". Trascorso il tempo occorre cuocere in un forno preriscaldato ventilato a 170 gradi per 45-50 minuti oppure in forno statico a 180 per lo stesso tempo.

 

Mentre il dolce cuoce è necessario preparare la glassa: "In una ciotola montiamo a neve l'albume che avevamo da parte. Aggiungiamo un po' alla volta lo zucchero al velo Paneangeli, continuando a mescolare con le fruste elettriche fino a ottenere un composto denso. Sforniamo la pizza dolce, lasciamola un po' intiepidire e poi distribuiamo la glassa sulla superficie aiutandoci con un cucchiaio. Infine decoriamo con le palline arcobaleno Paneangeli". 

 

 

Leggi Tutto: Il dolce di Pasqua di Benedetta Rossi la pizza marchigiana

Pubblicato in News

Oroscopo del Corriere di venerdì 2 aprile 2021. Ecco qui di seguito che cosa dicono le stelle per la giornata.

ARIETE 
Avere a che fare con i bambini è faticoso: continuano a scompaginare i tuoi

programmi più di quanto tu non avessi già messo in conto. 

TORO 
Questa è una brutta giornata per confrontarsi con genitori, capi e figure autoritarie. Se lo fai, dovrai mettere in conto di subire sconfitte dolorose.

GEMELLI 
Evita discussioni controverse su politica, religione e questioni razziali perché si trasformeranno in qualcosa di molto sgradevole anche per te. 

CANCRO 
Sorgeranno controversie sul denaro. Potrebbero riguardare questioni di famiglia e debiti pregressi, o forse "responsabilità" che ti competono. 

LEONE 
L'allineamento dei pianeti potrebbe favorire incidenti di percorso o promuovere discussioni e azioni impulsive di cui potresti facilmente pentirti.

VERGINE 
Oggi sii paziente con colleghi, clienti e supervisori al lavoro perché potresti essere coinvolto in una discussione e sarebbe dura restare calmi.

BILANCIA 
Sii gentile sia con gli amici, sia con i membri di gruppi e organizzazioni con cui potresti avere a che fare oggi. Converrà anche a te.

SCORPIONE 
Sarà una giornata impegnativa a casa e trattare con i membri della famiglia non sarà agevole perché potrebbero sorgere molte discussioni. 

SAGITTARIO 
Oggi è facile cadere nel pensiero negativo, che a sua volta può favorire conversazioni cupe. Le persone sono sulla difensiva, rischi molte critiche.

CAPRICORNO 
Sono probabili litigi per questioni relative al denaro. Possono sorgere controversie su alcune trattative, potresti incontrare parecchi ostacoli.

 ACQUARIO 
Lo stallo che gli scacchisti odiano oggi potrebbe essere una manna dal cielo. Cerca di non fare nulla, è l'unico modo per non peggiorare le cose.

PESCI 
Potresti sentirti depresso o scoraggiato per questioni relative al lavoro, alla tua salute o persino al tuo animale domestico. La vita oggi sembra più dura.

Leggi Tutto: Oroscopo del Corriere di venerdì 2 aprile 2021 le previsioni segno per segno

Pubblicato in News

Superenalotto, estrazione di oggi giovedì 1 aprile 2021, la seconda della settimana. Nessuno ha centrato il "6", nè il "5+1" e il jackpot vola oltre i 130 milioni. La prossima

estrazione è in programma sabato 3 aprile. A vincere sono i "5" che sono stati quattro e portano a casa poco più di 50 mila euro ciascuno.

Continua quindi la caccia alla sestina vincente del Superenalotto. Infatti, il  '6' milionario manca ormai molti mesi, per la precisione dal 7 luglio 2020, quando nel concorso numero 63 fu indovinato per l'ultima volta il 6 milionario; il fortunato giocatore si portò a casa quasi 60 milioni di euro. Il  valore del jackpot era già altissimo per questa estrazione di oggi: 129.900.000 e, come detto, non è stato centrato.

 SUPERENALOTTO, LA COMBINAZIONE VINCENTE DELL'ESTRAZIONE DI GIOVEDI' 1 APRILE 2021

22 37 57 62 83 90

Numero Jolly 3

Superstar 87

 Nei primi tre mesi del 2021 il Superenalotto - comprendente anche la raccolta del SiVinceTutto - ha incassato 391,7 milioni di euro. Nell'anno in corso - ricorda Agimeg - la vincita più alta è stata realizzata lo scorso 11 marzo in provincia di Como, con un '5+1' da 611 mila euro, una delle quattro vincite di seconda categoria assegnate sino ad oggi, per un totale di 2,4 milioni. L'ultimo '6' centrato risale invece al 7 luglio 2020, quando a Sassari furono vinti 59,4 milioni di euro. Nella storia del concorso Sisal, il premio più alto è stato realizzato a Lodi il 13 agosto 2019, pari a ben 209 milioni di euro. Nel concorso di questa sera, il primo del mese di aprile, il Superenalotto aveva messo in palio 129,9 milioni, settimo premio più alto di sempre nella storia del concorso Sisal. Nel 2020 la raccolta complessiva del  Superenalotto è stata pari a 1,17 miliardi di euro.

Leggi Tutto: Superenalotto i 5 vincono 50 mila euro jackpot vola sopra i 130 milioni

Pubblicato in News

L'Eredità su Rai1 di giovedì 1 aprile 2021. Guglielmo campione ma manca la soluzione finale. Era arrivato alla ghigliottina con una eredità di 210 mila euro

che si sono poi ridotte a 13.125 euro con le parole da legare con una soluzione che sono "famiglia, sacro, internazionale, squadra, inatteso".

Guglielmo ci pensa un minuto e poi mostra cosa ha scritto nel cartellino da mostrare al pubblico e dice "avvenimento". Flavio Insinna lo fa riflettere e poi introduce quella che sarà la risposta: "ospite". E' questa la soluzione che non è stata centrata. "Non è un avvenimento", afferma il conduttore,"sarebbe stato bello" e mostra la soluzione "ospite". Parte così il tg1 delle ore 20 con l'appuntamento rimandato a domani per un'altra sfida.

Al triello erano andati Valentina, Adenia e appunto Guglielmo con la dote di 210 mila euro uscita poi all'inizio della Ghigliottina, la prova finale della trasmissione.

In occasione del periodo pasquale,  tutti i giorni alle 18.45 su Rai1, 'L'Eredità' propone un ciclo di trasmissioni dedicate alle Onlus: 'L'Eredità per l'Italia', prodotto in collaborazione con Banijay Italia. Con l'accordo e il sostegno della Rai e nell'assoluto rispetto delle regole di sicurezza, il popolare programma di Rai1 condotto da Flavio Insinna torna con il marchio che già aveva proposto con grande seguito l'anno scorso.

Lo scopo fondamentale sarà quello di offrire un contributo di solidarietà alle Organizzazioni di utilità sociale che operano per aiutare chi si trova in difficoltà economiche. Le trasmissioni di questo sono organizzate in una serie di 'tornei', ognuno dei quali avrà come riferimento una diversa Onlus e nei quali Campioni delle passate stagioni si affronteranno per individuare la parola della 'Ghigliottina' e per devolvere interamente gli eventuali montepremi conquistati in beneficenza. Adesso un'altra sfida, quella di domani, che si annuncia di nuovo molto avvincente.

 Leggi Tutto: LEredità Guglielmo campione ma Insinna lo gela Non è un avvenimento

Pubblicato in News

Facebook cambia e permette di aumentare il controllo su cosa accade sulla propria pagina. Le novità sono state annunciate il 31 marzo e saranno attive a partire dalla metà di

aprile. La nuova funzionalità consentirà di scegliere chi può lasciare un commento sotto a un post o una foto e chi invece no. Saranno selezionabili le categorie di utenti il cui commento viene disabilitato (qui l'annuncio di Facebook). I commenti sono stati sempre gestibili, ma potevano essere eliminati soltanto dopo la pubblicazione.

La possibilità era quella di oscurare le frasi che contenevano termini non graditi oppure cancellare in seguito. Ora invece la selezione sarà diversa. Entro due settimane sarà attiva la nuova funzione. Facebook spiega: "Potrai controllare il tuo pubblico di commenti per un determinato post, scegliendo da un menu di opzioni che vanno da chiunque può vedere il post, solo alle persone e le pagine che tagghi". E ancora: "L'obiettivo di News Feed è metterti in contatto con ciò che conta di più per te: le persone nella tua vita, i contenuti interessanti e il mondo che ti circonda. Gli amici che aggiungi, le pagine che ti piacciono, i gruppi a cui ti unisci e le cose con cui interagisci determinano l'aspetto del tuo feed di notizie in un dato giorno". Modificando il pubblico dei commenti sarà quindi possibile "controllare ulteriormente come desideri gestire la conversazione sui tuoi post pubblici e limitare le interazioni potenzialmente indesiderate. E se sei un personaggio pubblico, un creatore o un marchio, anche tu puoi scegliere di limitare il pubblico che commenta i tuoi post pubblici per aiutarti a sentirti sicuro e impegnarti in conversazioni più significative con la tua comunità".

Secondo il Guardian la disattivazione dei commenti è legata ad una sentenza del 2019 in Australia che ha stabilito la responsabilità di commenti diffamatori pubblicati da utenti nelle pagine Facebook. Le aziende hanno dunque chiesto al social di aumentare i controlli e renderli preventivi. Ma Facebook ha annunciato anche l'istituzione della "Feed Filter Bar". Renderà più semplice passare da una News Feed scelta dall'algoritmo a un ordine cronologico, con i post più recenti che vengono proposti per primi. Si potrà dunque decidere che non sia la formula matematica a scegliere i contenuti che appaiono per primi.  

Leggi Tutto: Facebook arrivano le novità sarà possibile scegliere chi può lasciare un commento e chi no

Pubblicato in News

C'è speranza di vedere il pubblico allo stadio. Molto presto e per una partita della nazionale. Parola di esperto. "Una partita di calcio con il pubblico a giugno? Un'idea di questo tipo per prima di

metà di maggio mi avrebbe sconcertato. Ma una manifestazione che riguarda l'11 giugno, invece, è una nota di speranza: buttiamo il cuore oltre l'ostacolo, se si potrà fare, volentieri.

Non mi sento di escluderlo. Giugno è ancora un momento che necessita di cautele, chiaramente. Ma non trovo sbagliato parlarne.", dice. all'Adnkronos Salute, Massimo Galli, direttore della clinica di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, commentando la proposta del Governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, di aprire al pubblico, sperimentando il metodo biglietto-tampone-distanziamento, la partita degli europei Italia-Turchia prevista all'Olimpico di Roma l'11 giugno. "Questa possibilità fa bene all'anima. Parliamo di una scadenza a giugno, in mezzo ci sono due mesi interi. Con la campagna vaccinale in atto. Possono succedere molte cose, speriamo in positivo", ha aggiunto Galli che invece trova "azzardato parlare di aperture nel mese di aprile". Ma "ragionare su possibilità più in là nel tempo va bene"

Vanno considerate, ovviamente, "le solite variabili, ovvero quante vaccinazioni saremo riusciti a fare, quali varianti saranno in circolazione, quali dati. In ogni caso non mi sento di bocciare l'idea di lavorare su una scadenza di giugno, almeno in linea ipotetica", aggiunge l'infettivologo milanese. Per Galli il messaggio dovrebbe essere: "ora siamo ancora in mezzo al guado e dobbiamo tenere duro. Con il vaccino, e ancora un pò di sacrifici, potremmo arrivare alla conclusione. Anch'io sto programmando, con un pò più di cautela, il congresso nazionale degli infettivologi italiani che quest'anno sarà a Milano, alla fine di novembre. E sono convinto di poterlo fare in presenza. Cosa che, lo scorso anno, non è stato possibile, ovviamente", conclude Galli. 

Leggi Tutto: Italia-Turchia con pubblico a Roma Galli Sacco C'è speranza

Pubblicato in News

La faccia tosta di Roberto Speranza è insuperabile. Al ministero della Salute si è incollato col vinavil grazie a chi lo ha ossidato alla poltrona e ogni giorno ne

spara una. Come quella che subito ti fa pensare ad un colpo di sole di quelli tosti: “Chi ci racconta che siamo messi come un anno fa dice una cosa clamorosamente non vera”. 

Sacrosanta la risposta di Giorgia Meloni: “Speranza lo vada a raccontare ai milioni di italiani in ginocchio a causa della loro disastrosa gestione dell'epidemia”. Se lo meritava.
Nell'ordine: sono sparite montagne di mascherine e di soldi pubblici; oltre centomila morti, anche perché al personale sanitario sono stati dati dispositivi di protezioni non idonei e qualcuno dovrà pagare; ignorati gli allarmi del Cts su trasporti e scuola; campagna di vaccinazione pensando alle primule e non agli italiani; ritardi enormi nell'arrivo delle dosi necessarie. E ancora parla questo ministro?
Speranza è un ministro che non ha un briciolo di umiltà. Era talmente pieno di sé che aveva scritto un libro sulla vittoria sulla pandemia che poi è stato costretto a ritirare. È talmente insicuro, però, che i giornalisti non allineati alla sua volontà non possono fargli domande. Al punto che ci si dovrebbe chiedere perché pagare uno stipendio pieno al suo portavoce, retribuito con soldi pubblici solo per dire no.

Il bello è che in Germania una come Angela Merkel si scusa con i cittadini per gli errori commessi. Lui, no, li sfotte, e se ne esce con quella frase sull'anno trascorso in mascherina e col valzer di colori nelle varie regioni d'Italia.
Ora che però Matteo Salvini gli chiede di consentire di respirare nelle zone in cui il virus cala, lui continua a dire di no. Deve dimostrare che comanda.
Adesso si vanta del nulla e omette di ricordare il cambio della guardia al commissariato per l'emergenza. Prima c'era Arcuri e ora Figliuolo. Il cambio di passo lo decidono loro, lui sta solo a fare comunicati. E prepotenze.

Leggi Tutto: Lumiltà che manca a Roberto Speranza il ministro vinavil della Salute

Pubblicato in News
Pagina 1 di 2

Registrazione

« Aprile 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Sono online 133 ospiti e nessun iscritto