In sette giorni quasi raddoppiati i bambini ricoverati in ospedale

Pubblicato su Mercoledì, 05 Gennaio 2022 14:21 Scritto da Corriere di Umbria

Aumentano i giovani ricoverati a causa del Covid. Nella settimana tra il 28 dicembre e il 3 gennaio sono cresciuti dell'86% i pazienti ospedalieri sotto i 18 anni (rispetto al totale dei pazienti pediatrici dei sette giorni

precedenti). Sono i dati degli ospedali sentinella Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere. I bambini ricoverati sono quasi raddoppiati: da 66 a 123. E' triplicato il numero dei piccoli in terapia intensiva: da 2 a 6. Tra i degenti il 62% ha meno meno di quattro anni, età quindi non vaccinabile. 

Nella stessa settimana il tasso di crescita dei ricoveri Covid ha avuto una accelerazione del 25,8%. La proporzione tra pazienti vaccinati e no vax rimane stabile: i non vaccinati ricoverati in rianimazione sono il 72% del totale. La metà godeva di buona salute e non aveva comorbidità. Il range di età va dai 18 agli 83 anni. Il tasso di occupazione di posti letto nei reparti di ospedale sale al 20% e in 24 ore è cresciuto in tredici regioni. I livelli più critici in Valle d'Aosta (47%), Calabria (32%), Liguria (31%) e Umbria (con +3% raggiunge il 27%).

Crescono anche Abruzzo (al 16%), Campania (19%), Emilia Romagna (18%), Lazio (20%), Lombardia (22%), Piemonte (24%), Puglia (12%), Sicilia (24%), Toscana (16%). Stabili oltre soglia del 15%: Basilicata (20%), Friuli (24%), Marche (23%), Provincia autonoma di Bolzano (17%), Sicilia (24%), Veneto (20%). Il tasso è in calo solo nella Provincia autonoma di Trento (al 19%) e in Sardegna (9%). Dati Agenas del 4 gennaio. I posti letto in terapia intensiva occupati da pazienti con Covid-19 restano al 15% a livello nazionale ma crescono in 6 regioni: Abruzzo (arrivando al 13%), Basilicata (4%), Lombardia (15%), Provincia Autonoma di Bolzano (19%), Piemonte (19%) e in Valle d'Aosta (con un +3% arrivano al 12%). I dati sono invece stabili oltre la soglia del 10% in Calabria (15%), Emilia Romagna (15%), Lazio (17%), Liguria (21%), Marche (21%), Trento (24%), Sicilia (13%), Toscana (15%), Umbria (12%), Veneto (19%). In calo in Campania (8%) e in Friuli (16%). 
Leggi Tutto: In sette giorni quasi raddoppiati i bambini ricoverati in ospedale

Letto 52 volte