Ottico perugino dona occhiali usati a profughi siriani

Pubblicato su Domenica, 02 Gennaio 2022 01:03 Scritto da Gabriele Burini

Regalare un sorriso a chi soffre. Parte da un ottico perugino, Giulio Fratticioli, il progetto dell'associazione Img-in che, tra i suoi obiettivi, ha anche quello di donare occhiali da vista usati e invenduti a

coloro che si trovano nel campo profughi siriano di Zaatari, in Giordania. Con l'iniziativa nata nel 2013, per cinque volte migliaia e migliaia di persone più bisognose hanno ricevuto occhiali da vista, visto che in ogni spedizione ne vengono consegnati dagli 800 ai 1.500.

“Nel settembre 2013 sono stato contattato per fare un reportage fotografico e video nel campo profughi di Zaatari da Actionaid Ari, un'organizzazione internazionale indipendente impegnata nella lotta alle cause della povertà – spiega Giulio, ottico da 30 anni, che a Perugia è titolare assieme al fratello Giorgio di Foto Ottica Fratticioli, negozio di fotografia da quattro generazioni – In quell'occasione, chiesi cosa avessi potuto fare per dare un aiuto in più alle persone vittime della guerra. Così, con Actionaid abbiamo pensato alla raccolta di occhiali da vista usati”. Nei negozi in cui Giulio lavora vengono consegnate molte montature vecchie, ma ancora buone, che andrebbero buttate. A queste si aggiungono quelle invendute. Grazie alle donazioni possono trovare un loro utilizzo.

“Le leggi dei campi profughi prevedrebbero donazioni per tutti coloro che sono all'interno, per evitare discriminazioni e disuguaglianze – prosegue Giulio – Noi abbiamo sempre portato un migliaio di occhiali, ma a Zaatari ci sono stati anche 150mila rifugiati contemporaneamente. Alla fine siamo riusciti a fare queste consegne perché l'occhiale da vista non serve a tutti ed è fatto su misura”. Dal 2013, Giulio e l'associazione Img-in hanno portato a termine cinque consegne, l'ultima nel 2019. “Mi auguro di poter riuscire a riprendere quest'anno. Dei corridoi si sarebbero già potuti aprire, ma abbiamo preferito non rischiare. Solitamente siamo in tre a partecipare alle spedizioni, ma nel 2019 siamo arrivati a coinvolgere sette persone. In questi paesi siamo ben visti e fare questo tipo di attività mi dà tanta ricchezza a livello personale”, conclude Giulio.
Leggi Tutto: Ottico perugino dona occhiali usati a profughi siriani

Letto 50 volte