Trenta dosi di cocaina e 50 mila euro in casa: arrestata 51enne, percepiva il reddito di cittadinanza

Pubblicato su Domenica, 02 Gennaio 2022 02:00 Scritto da Corriere di Umbria

Quando l'hanno fermata per un controllo le hanno trovato indosso sei dosi di cocaina. Visti i precedenti, e l'atteggiamento che tradiva comunque un certo nervosismo, gli uomini della squadra mobile della

questura di Terni hanno deciso di perquisire la sua abitazione, nella quale è saltato fuori altro stupefacente dello stesso tipo - complessivamente una trentina di dosi di polvere bianca - pronto a essere spacciato.

Ma in casa di una donna di 51 anni, di origine bulgara, da anni residente a Terni, altre sorprese non sono mancate, perché non è stata trovata solo droga da sequestrare, bensì anche un'ingente somma di denaro in contanti, qualcosa come circa 50 mila euro.

Procedendo per ordine, la 51enne è stata fermata mercoledì scorso nella zona di via Tre Venezie, a Borgo Bovio. Dai suoi dati anagrafici è risultato che sulle sue spalle gravavano dei precedenti, visto che negli anni scorsi la donna era stata coinvolta nell'operazione antidroga denominata “Daku”. Sono scattate così le perquisizioni, la prima delle quali personale, con le sei dosi nascoste in tasca, l'altra nell'abitazione.

Detto delle complessive trenta dosi di coca recuperate, gli investigatori della squadra mobile hanno trovato altresì, ben nascosti in un materasso, poco meno di 50 mila euro in contanti, suddivisi in mazzette da 5 mila euro ciascuno. Una somma difficile da giustificare, in considerazione del fatto che la 51enne nel corso degli ultimi 20 anni ha dichiarato al fisco redditi per poco meno di 20 mila euro complessivi e che dal 2018 percepisce il reddito di cittadinanza. La donna ha comunque cercato di spiegare che si trattava di soldi  in parte del compagno, attualmente in carcere, e in parte scaturiti dalla vendita di un'auto di proprietà della madre. Una tesi che non ha convinto gli stessi uomini della Mobile che l'hanno arrestata in flagranza di reato, su disposizione del pm di turno, Raffaele Pesiri.

L'udienza di convalida si è poi svolta nel pomeriggio di giovedì 30 dicembre 2021 di fronte al giudice, Dorita Fratini, la quale ha convalidato l'arresto, disponendo la misura degli arresti domiciliari. In aula la procura aveva chiesto la custodia in carcere, che scatterà comunque su ordine del magistrato di sorveglianza di Spoleto, visto che la donna era sottoposta all'affidamento in prova ai servizi sociali. Ma continuava a spacciare.

Moderatamente soddisfatto della misura applicata dal tribunale l'avvocato della 51enne, Francesco Mattiangeli, che nell'udienza di merito, fissata per il 24 gennaio 2022, chiederà probabilmente un rito alternativo per concludere la vicenda giudiziaria della sua assistita. Intanto la giudice Fratini ha disposto la sospensione del reddito di cittadinanza per la 51enne, in attesa che l'Inps avvii l'istruttoria per la restituzione delle somme indebitamente percepite.
Leggi Tutto: Trenta dosi di cocaina e 50 mila euro in casa: arrestata 51enne, percepiva il reddito di cittadinanza

Letto 48 volte